No Borders

Quién es Luis Robles?

This post has already been read 448 times!

luis robles

Ho raccolto alcuni tweet dal cubano El Ingeniero (@ El_Ingeniero93) sull’incredibile storia di ingiustizia e repressione vissuta a Cuba da Luis Robles.

 

Chi è Luis Robles?

Luis Robles Elizástigui, di Guantanamo di nascita, dell’Avana di adozione, arrestato il 4 dicembre per aver portato un cartello con l’etichetta “Libertad”, “No + Repression”, ”  # Free -Denis” “, oggi rischia 6 anni di prigione per pensare in modo diverso.

Facendo uso della libertà di espressione (articolo 54 della Costituzione), questo giovane senza legami con i movimenti di opposizione ha voluto esprimere i suoi sentimenti ma ha dimenticato un dettaglio: a Cuba, la libertà di espressione funziona solo per coloro che non sono in disaccordo con ” governo.”

Il giovane ha alzato il suo cartello a mezzogiorno nel parco Curita sul viale San Rafael e dopo aver gridato “Libertà” “Abbasso la dittatura” “Abbatti i negozi a MLC”, gli agenti della MININT lo hanno arrestato e multato (1000 pesos).) mentre non ha offerto alcuna resistenza

Dopo l’evento, è stato trasferito a Villa Marista e successivamente a Combinado del Este, inizialmente è stato accusato di aver commesso “atti contro la sicurezza dello Stato” (sebbene la sua azione fosse pacifica), il che mostra una grave contraddizione secondo gli articoli 124 a 128 del codice penale.

Non potendo provare alcun atto contro la sicurezza dello Stato, che dovrebbe comportare il suo immediato rilascio, l’accusa si è assunta il compito di fabbricare una causa punibile, cosa che hanno fatto e ha causato le Conclusioni Provvisorie che erano state appena portate alla luce .

Nel caso non lo sapessi, Conclusioni Provvisorie è il nome del documento rilasciato dalle parti coinvolte (pubblici ministeri e avvocati) in cui mostrano la loro posizione riguardo al fatto sotto processo. Detto questo: cosa dice un documento del genere nel caso di Luis Robles?

Luis è accusato di crimini di propaganda nemica (in quanto autore, ai sensi dell’articolo 18.1.2 a) del codice penale previsto e sanzionato nell’articolo 103.1 a) e di un crimine di disobbedienza previsto e sanzionato nell’articolo 147.1 del lo stesso codice.

Per entrambi i “reati” è richiesta la condanna a 6 anni di privazione della libertà. Ora, queste conclusioni provvisorie sono contraddittorie? Ebbene sì, un documento pieno di contraddizioni con la Costituzione, la logica e il ragionamento. Quali sono queste contraddizioni ???

1. L’accusa lo accusa di provocare, ma dimentica che la “provocazione” è insita nella manifestazione, un diritto che in teoria abbiamo secondo la Costituzione (articolo 56), poiché la manifestazione cerca di provocare altri per affrontare questioni che il il manifestante considera importante.

Secondo la sua logica: “Ti do il diritto di manifestare, ma se non mi va, ti accuso di essere un provocatore”. Questo mostra senza dubbio il doppio standard del diritto cubano, perché secondo questo rapporto non lo facciamo sapere se controlla la legalità o reprime in nome del “governo”.

2. Lo accusano di disobbedienza per non essersi lasciato dissuadere da un poliziotto, cosa che secondo l’accusa gli agenti hanno fatto e quando ha trascurato è incorso in Disobbedienza, ha detto così sembra avere senso, ma dove sta la questione qui? ?? Il punto è che affinché si verifichi il crimine di disobbedienza, il funzionario deve ordinare protetto dalla legge e dissuade se la situazione è moralmente riprovevole. Questo mostra un’altra contraddizione. Ebbene, secondo la legge cubana, l’ufficiale può censurare la condotta, anche se legittima, e un ordine di polizia deve essere rigorosamente applicato anche se viola i diritti di un cittadino e in caso di negligenza può essere perseguibile penalmente.

3. Secondo l’accusa, il crimine di Propaganda nemica è avvenuto perché dopo la sveglia dell’ufficiale, Robles ha tenuto il poster in alto e ha ripetutamente gridato “Libertà” che secondo loro ha causato disordine, ma era questo come si dice ?? Chi ha visto il video ha potuto rendersi conto che il disordine da parte dei presenti non è stato causato dall’azione di Robles, è avvenuto quando gli agenti hanno proceduto all’arresto, ritenendo l’arresto ingiustificabile.

4. La Procura utilizza la copertura dei media stranieri come elemento per giudicare Robles, cosa illogica, poiché questo non può essere controllato dall’imputato, infatti, non dovrebbe nemmeno apparire nel documento accusatorio, qualcosa che mostra la motivazione politica dietro il documento . Per finire, afferma che Robles stava adempiendo un mandato di Alexander Otaola (come lo leggi tu) alquanto contraddittorio, perché se così fosse, Otaola sarebbe l’accusato come autore del crimine di Enemy Propaganda e non Robles, in ogni caso Luis sarebbe una vittima.

5. Il documento, più che legale, sembra un documento politico, in quanto presenta altre “cose rilevanti” che non dovremmo ignorare, ad esempio: PS: non ridete che quello che sto per dire è serio.

L’accusa afferma che le grida contro l’Mlc sono rilevanti per il documento perché si oppongono alle “misure adottate dalla leadership del paese per sopravvivere in qualche modo di fronte allo stretto blocco economico degli Stati Uniti”.

Dice che le grida “Libertà” e “Abbasso la dittatura” non sono un esercizio di libertà di espressione, ma una provocazione per generare un “ambiente destabilizzante dell’ordine sociale interno e in opposizione al sistema di sviluppo economico scelto dal maggioranza della popolazione cubana “.

Va notato che Robles è accusato di accuse che non sono di sua responsabilità e che dimostrano la motivazione politica dietro il processo giudiziario a suo carico, perché se analizziamo bene il documento, le contraddizioni sono evidenti.

Indubbiamente, il caso di Luis Robles è un’ingiustizia totale e secondo me non è altro che il mezzo utilizzato dal “governo” per inviare un messaggio chiaro: “chiunque si opponga sarà imprigionato”.

Conclusioni: Luis Robles non è stato ancora processato o condannato, ma allo stesso modo c’è la speranza che non sarà così c’è (purtroppo), allo stesso modo il suo nome viene aggiunto all’elenco delle violazioni nei casi giudiziari motivato dalla politica.

Sarà questa la Cuba che Martí sognava e per la quale gli eroi hanno versato il loro sangue? Una Cuba dove chi si oppone viene giudicato e chi manifesta pacificamente viene condannato? Sta a te giudicare, da parte mia …  # LibertadParaLuisRobles

 

 

Listen to this article
Listen to
this article
Text to speech by Listencat
Text to speech
by Listencat

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.