No Borders

I nazisti sono in Russia

This post has already been read 740 times!

All’alba del 24 febbraio 2022, esattamente otto anni dopo l’inizio degli scontri nel Donbass, dove le repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk decisero di separarsi dall’Ucraina, prende inizio quella che non viene definita né una guerra né un’invasione da parte dei russi ma bensì un’operazione militare con l’intento preciso di “denazificare” l’Ucraina, vista come un paese pieno di nazisti militanti e non. Si inzia così a parlare del battaglione Azov, qualche migliaio di membri, nulla più. Immancabilmente spuntano foto sul web dove vengono ritratti militari con la bandiera nazista, non si sa fino a che punto foto reali. Ma al di là di questo, è impensabile che tutta l’Ucraina, popolata da 44 milioni di cittadini, possa essere abitata solo da nazisti. La propaganda prende piede. Il termine “operazione militare” e “denazificazione” vengono ripetuti sul web, nei telegiornali, fino alla sfinimento. Putin sta riuscendo nel suo intento, cioè di far credere ciò che non è. E allora ecco che si discute pure sul ruolo dell’Ucraina e di alcuni ucraini durante e dopo la seconda guerra mondiale così da avvalorare la tesi della “denazificazione”. Ed è così che si sprecano le biografie di Stepan Andrijovič Bandera, figura di estrema destra della politica ucraina e fondatore dell’Esercito Insurrezionale Ucraino. Consiglio questo articolo su Il Foglio link

Si accusa pure il presidente Zelensky di essere un nazista e per giunta pure cocainomane, con un fotomontaggio che avrebbe scoperto pure un bambino di 3 anni. Ma sul web le cose ovvie non lo sono per tutti. Poi la realtà viene fuori, e ci si accorge a poco a poco che i nazisti stanno più dall’altra parte che dalla parte ucraina. La Brigata Wagner, con Dimitrj Utkin, fino al 2013 tenente colonnello del Gru (il servizio di intelligence di Mosca), considerato l’anima militare della brigata, ed Evgeny Prigozhin, “il cuoco di Putin”. Entrambi morti a metà agosto dopo l’abbattimento di uno jet privato, abbattuto dalla contraerea russa perché ormai troppo scomodi. Questi due sono solo quelli più famosi. Ma ce ne sono tanti, grazie al lavoro di @DonbasDIY non so in quale veste, tradotto e rielaborato da Marco Setaccioli @marsetac (in libreria con “Scemi di pace: Come i “pacifinti” ingannano l’Italia, diffondendo e mascherando le menzogne del Cremlinolink Amazon ) ecco un elenco di nazisti russi e filorussi da rabbrividire. Quale paese si dovrebbe “denazificare”adesso?

1

2

Pavel Gubarev, Il governatore della DPR, il quale sfoggia un simbolo che tra poco rivedremo, ma dall’aria familiare.

 

3

Alexander Barkoshov. Capo del Battaglione Neo Nazista Unità Nazionale Russa. Il nazionalismo gestito da Surkov ha costretto i neo nazisti a passare dai simboli nazisti a quelli russi ortodossi, facendo piccoli aggiustamenti alla classica svastica, ma senza riuscire a contenere certe esternazioni.

 

4

Mikhail Ronkainen da Mosca. A destra una foto dal suo VK, mentre a sinistra lo si vede issare una bandiera russa sull’edificio del Consiglio a regione di Karkhov al termine di una marcia pro-Russia il 1 marzo 2014.

 

5

Igor Bikeev mentre celebra un anno dall’annessione della Crimea.

 

6

Lutich Dmitrievich, separatista della DPR del battaglione neo nazista cosacco.

 

7

Vladimir Romanenko, propagandista della DPR

 

8

Ivan Okhlobystin, attore, regista, scrittore russo ed ex prete ortodosso. Collaboratore della macchina della propaganda russa, mostra un orologio sul quale è scritto “sono razzista”

 

9

Alcuni denazificatori di Mosca giunti a collaborare in Donetsk

 

10

Una di loro, la moscovita Maria Koleda, era capo del dipartimento delle pubbliche relazioni del Ministero degli Affari Esteri della DNR

 

11

Anatoly Yermakov, anche lui fervente antifascista e combattente della DPR

 

12

Viktor Krivoruczko, russo di Krasnodar Krai, anche lui ha combattuto per denazificare la DPR

 

13

Questa foto del Rusich deve essere finita per sbaglio qui. Perché non sembra che le persone ritratte abbiano atteggiamenti nazisti

 

14

Forse “solo” uno di quelli ha un dettaglio forse irrilevante. Mikhail “Lesnik” Komoloatkin, altro combattente del Donetsk, ha definito il fascismo “un’ottima idea”

 

15

Vladimir Volga che combatte per il Russki MIR in Donetsk

 

16

Yevgeny Mazepin, di Voronezh, indossa una maglietta che ritrae Corneliu Zel Cordeanu, politico di estrema destra romeno e fondatore dell’organizzazione nei-fascista Legione dell’Aecangelo Michele, detta anche Guardia di Ferro

 

17

Alexander Kobziev dalla località russa di Krasnodar Krai, membro del battaglione neo-nazista Kornilovtsky

 

18

Edward Matishin, eroe del movimento Novorossiya e membro del battaglione Vostok

 

19

Peter Barkashov, comandante del battaglione neo-nazista Unità Nazionale Russa

 

20

Il monarchico-fascista della DNR Vitaly Cheprunov

 

21

A questa foto forse non serve aggiungere descrizioni

 

22

Daniil Chernysh di Belgorod

 

23

Alexander Matyushin del battaglione neo-nazista Varyrag, fondatore della Repubblica di Donetsk

 

24

Alcuni membri del battaglione neo-nazista Chetnik provenienti dalla Serbia

 

 

25

Kirill Rimkus, membro del Rusich

 

26

La graziosa vincitrice del concorso di bellezza indetto tra le giocatrici di calcio femminile a Mosca

 

 

27

Rimanendo sempre in ambito femminile, questa è Yulia Kharlamova, ex agente dell’FSB, sorpresa a cercare di reclutare uomini ucraini per prendere d’assalto il parlamento ucraino e attaccare la polizia durante le proteste di Euromaidan

 

28

Sorok Sorokov, gruppo di fascio-ortodossi, imperialisti e neo-nazisti che operano in ambito della sicurezza per la Chiesa Ortodossa Russa e guardie personali del patriarca Kirill. Nel 2014 presero un treno fino a Odessa per creare i disordini dai quali scaturì il rogo della casa dei sindacati

 

29

Alcuni capi dei Sorok Sorokov (SS)

 

30

Anche il gruppo DPNI ha combattuto in Donbass

 

31

Gruppo Russki Obraz che ha combattuto in Donbas

 

32

I neo-nazisti del battaglione Terek Wolves che combatte con le insegne della Wermacht SS

 

33

Il battaglione neo-nazista Ratibor

 

34

Il capo dei provocatori giunti a Odessa prima del rogo, Anton Raeysky della Brigata Odessa. Precedentemente aveva militato nei Black Hundreds di Orel, Russia

 

35

I leader della DPR adesso

 

36

Gli ultras neo-nazisti russi mostrano le foto di criminali di guerra e del Movimento Novorossiya

37

Volontari neo-nazisti da Serbia, Francia e Spagna

 

38

Diversi volontari di Black Hindreds il gruppo fascio-ortodosso russo

 

39

Alexander Bednovs del battaglione neo-nazista Batman del GRU Spetznaz, che ha continuato a operare sotto il Rusich dopo la sua morte

 

40

Molti componenti dei gruppi neo-nazisti sono anche o sono diventati corrispondenti di guerra

 

41

Alcuni membri del battaglione russo Oplot, composto principalmente da neo-nazisti

 

42

Una delle prime foto de famoso Rusich, quando non era ancora arrivato ai suoi 200 membri

 

43

Il battaglione neo-nazista serbo Jovan Sevic

 

44

Alcuni skinheads russi si fanno riprendere in mutande e con la bandiera del BTW

45

Alcuni fascio-ortodossi imperialisti inneggiano al nazismo. È diffusa nell’ambiente la convinzione che Hitler fosse il salvatore della vera cultura russa

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.