This post has already been read 116 times!

Sono sempre lì, i reduci dell’ultima guerra argentina, di giorno e di notte, sono los veteranos delle Falkland, ribatezzate Malvinas dal popolo argentino anche se gli abitanti delle Falkland hanno scelto di essere inglesi con un vero e proprio plebiscito. Da molti anni ormai hanno preso possesso della Plaza de Mayo, la piazza delle proteste in Argentina. Chiedono di essere riconosciuti quali soldati che hanno combattutto per l’Argentina. Ma ormai da troppi anni, lo Stato argentino li ha abbandonati. Molti dei soldati scampati al massacro inglese (poco più di 600 furono le perdite argentine, meno della metà quelle inglesi) ebbero uno stato di shock. Molti dovettero ricorrere all’analista per uscire dalla paranoia del ricordo di quei settandue giorni di guerra, tanti fratelli persi, visti morire e non potere fare nulla. Una guerra decisa da una dittatura alla fine dei suoi giorni che con il penultimo caudillo argentino Leopoldo Galtieri (dopo di lui ci fu Brignone per un anno fino al 1983) cercava il rilancio della giunta militare al potere dal ’76, provando a riconquistare un possedimento inglese dal 1833. La sconfitta argentina fu fatale a Galtieri che si dimise nel giugno del’82.

Plaza de Mayo: in memoria delle vittime argentine

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.