No Borders

This post has already been read 2266 times!

 

Horacio Verbitsky, giornalista di Pagina 12 e presidente di CELS (Centro de estudios legales y sociales), racconta che quando militava nei Montoneros, aveva partecipato a scontri armati, ma assicurò che non ci furono i morti.
“Ho partecipato a scontri armati, e per fortuna nessuno è stato ucciso, perché mi sentirei molto male”, dice Verbistky, in un’intervista con il direttore di Perfil.com, Jorge Fontevecchia, in cui ha ricordato il suo attivismo negli anni ’70, e di cui anche , il suo rapporto con il governo di Nestor Kirchner.
“Non ero importante nella struttura dei Montoneros. Non ero quello che sono oggi, ho avuto un basso livello”, dice.  “Mario Firmenich l’ho visto solo due volte nella mia vita. Non ho mai avuto un rapporto speciale con lui”, ha detto Verbitsky.
Inoltre, il giornalista ha ribadito le sue critiche alla gestione della pubblicità del  governo intrapresa dal governo di Nestor Kirchner. “Mi sembra molto ingiusto che il governo discrimina Perfil.com nella sua pubblicità, sembra molto ingiusto non concedere rapporti”.
E anche se ammette che da quando c’è Kirchner, lo ha incontrato “venti volte”, anche minimizzando l’influenza che può avere sul presidente. “Sola Morales o Bonelli hanno molta più influenza di me su Kirchner”, dice.
Verbitsky è stato anche critico con la estensione delle licenze della televisione, realizzate dall’attuale governo: “Penso che sia l’errore più grande di quattro anni di governo Krichner”.

 

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.