No Borders

This post has already been read 2242 times!

Amsterdam
In due giorni non si può fare tutto ad Amsterdam, ma comunque si può vedere quanto basta. La città offre numerose piazze, musei e vita notturna. Fra le piazze, ne ho scelte due, le più famose e frequentate.
Leidseplein, animata piazza che ospita birrerie, pub e dove la vita inizia da mezzanotte. Piazza Dam, è il nucleo originario della città, fondato da alcuni pescatori (Dam vuol dire diga). Qui si trovano il palazzo reale e la Nieuwe Kerk, chiesa gotica dedicata alla Vergine Maria.
A’dam è il quartiere per eccellenza per i koffieshop e del Walletjes, il quartiere a luci rosse. Oud Zuid, è un elegante quartiere a sud del centro storico, dove sono concentrate le più importanti collezioni pittoriche del mondo. Dal Rijksmuseum che ospita capolavori da Rembrant a Vermeer, allo Stedelijk, riferimento centrale epr le ultime tendenze. Infine, il Van Gogh, che oltre alle opere del geniale artista olandese, ospita le opere di Gauguin e Monet.
De Pijp, paragonato al quartiere latino di Parigi, è un quartiere vivace, pieno di diverse etnie. Ad inizio novecento accoglieva operai artisti e intellettuali, poi gli immigrati. Ma adesso gli abitanti del quartiere sono molto più eterogenei. Di giorno il centro della vita del quartiere è il mercato Albert Cuypmarkt.
Altro quartiere simbolo di Amsterdam è Jordaan, pieno di stradine e vicoli. Il 30 aprile è la festa della regina. In questo giorno tutto il paese si ricopre di arancione che è il colore del paese. Anche l’architettura rende omaggio al colore arancione con due opere: il “balena bus” a Hoofddorp e il teatro Agora a Lelystad.
Fra i club che fanno musica dal vivo, il più famoso è certamente il Paradiso dove si sono esibite celebri band del rock internazionale dagli U2 ai Rolling Stones, Police e Nirvana. Poi c’è il Bimhuis, club famoso per la musica jazz, un cubo di vetro sull’acqua.


Bruxelles

Bruxelles, già visitata molti anni fa, adesso però, nell’età della ragione, la capitale belga merita un’attenzione diversa. Come tante città del nord Europa, Bruxelles è una città cosmopolita che per anni è rimasta in silenzio. Da questo punto di vista il fatto di essere diventata il centro della Unione Europea le ha ridato un po’ di lustro. Per conoscere Bruxelles è bene partire dalla Grand Place, dove vi si trova il palazzo comunale. E’ il centro della vita sociale e civile dei cittadini di Bruxelles. Tutti i palazzi della Grand Place, in stile fiammingo, erano sedi di corporazioni. Ogni quartiere a Bruxelles ha un suo mercato, dall’antiquariato, a quello dei fiori, al mercato degli uccelli. Spostandosi verso est, si trovano il Palais Royal e il Palazzo del Parlamento. Al centro della Place Royal, si trova la statua equestre di Godefroy de Bouillon, eroe nazionale belga.
Meritano una visita la cattedrale di San Michele, principale luogo di culto di Bruxelles e il parco del Cinquantenario, un parco urbano di 30 ettari che si trova nella parte orientale del quartiere delle Istituzioni europee.Tra le attrazioni non possono mancare l’Atomium e il Manneken-Pis.
Da non perdere le quattro costruzioni più famose di Victor Horta, precursore dell’Art Nouveau, riconosciute patrimonio dell’umanità nel 2000. L’Hotel Tassel, l’Hotel Solvay, l’Hotel Van Eetvelde e l’Horta Museum.
Per finire con i murales sparsi per la città che ritraggono famosi fumetti.

Bruges
In una sola giornata la visita di Bruges può cominciare dalla piazza del mercato, il Markt, cuore medievale della città, dove si trova anche la torre del campanile, il Belfort, a cui si può accedere salendo i 366 gradini, per passare poi alla piazza del Burg altra piazza adiacente piena di splendidi edifici, tra cui il palazzo comunale, Stadhuis, uno dei più antichi edifici del Belgio.
Altri punti centrali della città sono la Cattedrale gotica del Santissimo Salvatore (St Salvatorskathedraal), la Basilica del Sacro Sangue (Heiligbloed Basieliek).
Onze Lieve Vrouwekerk la chiesa di Nostra Signora è conosciuta per la Madonna con Bambino datata 1504 di Michelangelo.
Fra i musei più importanti sono da menzionare il Groeninge Museum (n.12 di Dijver) che ospita la collezione più importante, in particolare fiamminga, della città e Gruuthusemuseum (n.17 di Dijver) dedicato alle arti applicate e decorative.
A maggio, ogni anno nel giorno dell’ascensione, dal 1291, si svolge la processione in costume del Sacro Sangue che ripropone episodi biblici e la Passione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.