No Borders

ciao Gino

This post has already been read 99 times!

davidgilmour

From The Guardian

link: https://www.theguardian.com/global-development/2021/aug/13/maestro-of-humanity-italian-surgeon-gino-strada-dies-at-73?fbclid=IwAR3Aw_9KTzcyQONu57cez4s70JGdw6–73AJzXh_pywUPdrO68sYZYv_aHA

È stato reso omaggio a Gino Strada, il chirurgo italiano e “maestro dell’umanità” noto per aver creato ospedali di livello mondiale per le vittime della guerra, morto all’età di 73 anni. Il medico, che nel 1994 ha co-fondato l’organizzazione umanitaria Emergency per fornire assistenza sanitaria gratuita e di qualità ai feriti del conflitto, è morto venerdì in Francia, secondo quanto riferito. Rossella Miccio, presidente di Emergency, ha detto che la notizia è stata uno shock. “Nessuno se lo aspettava. Siamo storditi e angosciati”, ha detto al Corriere della Sera. “È una perdita enorme per il mondo intero. Ha fatto tutto il possibile per rendere il mondo un posto migliore. Ci mancherà moltissimo”.

Chirurgo per trapianti di cuore e polmone di formazione, Strada ha intrapreso una missione per aiutare a guarire coloro che sono rimasti coinvolti in alcuni dei conflitti più sanguinosi e intrattabili del mondo, tra cui in Afghanistan, Iraq e Yemen. Emergency ha iniziato il suo lavoro in Ruanda durante il genocidio e afferma di aver curato più di 11 milioni di persone in 19 paesi. L’organizzazione opera attualmente in Afghanistan, dove ha un centro chirurgico di fama mondiale, Eritrea, Iraq, Sierra Leone, Uganda, Yemen e Sudan, oltre che in Italia. Strada ha detto all’Observer nel 2013 che gli ospedali che ha creato dovevano essere almeno uguali, se non migliori, a quelli dell’ovest. “Se pensi alla medicina come a un diritto umano, allora non puoi avere degli ospedali che offrono medicine sofisticate, molto efficaci e ad alta tecnologia, e poi andare in Africa e pensare: ‘OK, ecco un paio di vaccinazioni e qualche iniezione’ ,” Egli ha detto. “Pensiamo che noi esseri umani … siamo tutti uguali nei diritti e nella dignità, o no? Diciamo: “Sì, lo siamo”.

L’obiettivo era, ha detto, creare strutture “in cui saresti felice di avere un membro della tua famiglia in cura”. La figlia di Strada, Cecilia Strada, ha dichiarato su Facebook di non essere stata con lui quando è morto, poiché era a bordo di una nave di soccorso per l’ONG ResQ – People Saving People. “Amici, come avrete visto, mio ​​padre non è più con noi. Non posso rispondere ai tuoi tanti messaggi … perché sono in mezzo al mare e abbiamo appena eseguito un salvataggio”, ha scritto. “E questo mi è stato insegnato da mio padre e mia madre.” La moglie di Strada, Teresa Sarti, con cui ha fondato Emergency, è morta nel 2009. In una nota, Mario Draghi, il primo ministro italiano, ha elogiato la “professionalità, il coraggio e l’umanità” di Strada, mentre David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, ha twittato: “Addio Gino Strada, maestro di umanità”. Renzo Piano, l’architetto italiano che ha progettato un ospedale chirurgico pediatrico per Emergency a Entebbe, in Uganda, ha affermato di aver imparato molto da Strada e che la sua morte è stata “una grande perdita”.

“Era una di queste persone con una convinzione semplice, chiara sulla scienza, sulla solidarietà, sulla solidarietà umana, anche sulla bellezza… Perché era una di quelle persone che, parlando di ospedale, parlava di eccellenza medica, ma era anche sull’eccellenza ambientale e l’eccellenza umana”, ha detto Piano al Guardian. “Era una specie di umanistica, immagino.” Piano ha detto di aver parlato l’ultima volta con Strada pochi giorni fa, mentre i due uomini cercavano di trovare un modo per raggiungere l’Uganda per l’inaugurazione dell’ospedale, a lungo ritardata. “L’ospedale sta già funzionando”, ha detto. “Ma non abbiamo mai avuto il momento in cui [abbiamo] aperto ufficialmente. L’altro giorno ne stavamo discutendo: ‘possiamo provare ad ottobre?’ È molto triste”. Giles Duley ha incontrato Strada per la prima volta nel 2010 presso il centro di chirurgia cardiaca Salam di Emergency a Khartoum, in Sudan, documentando il lavoro del chirurgo. La loro relazione ha portato in parte il fotografo e l’attivista ad andare in Afghanistan l’anno successivo, dove Duley è stato gravemente ferito, perdendo entrambe le gambe e un braccio. È stata anche l’influenza di Strada, ha detto Duley, che lo ha portato a creare la sua fondazione, Legacy of War. “Era un uomo di principi e un uomo che credeva in qualcosa”, ha detto Duley. “Purtroppo viviamo in un mondo ora in cui poche persone hanno davvero dei principi. Siamo circondati da politici che non hanno principi e molte ONG mancano di quella leadership.

“C’è stato un uomo che si è alzato in piedi e ha detto quello che molti di noi credono: che la causa di tanti problemi in questo mondo è la guerra, la militarizzazione e il profitto del conflitto. E lui si è alzato e ha detto: questo è ciò che dobbiamo fermare”. Nelle ultime occasioni Duley aveva visto Strada, disse, gli era sembrato stanco. Ma non si sarebbe mai fermato. “Ha dedicato la sua vita a questo lavoro”, ha detto Duley. “Era un uomo che si era completamente e totalmente dedicato a questo. Le ultime volte che l’ho incontrato era ovvio che questo aveva avuto un impatto su di lui, ma non c’era modo che si sarebbe ritirato o si sarebbe fermato – questa era la sua vita, e si è dedicato alle persone ferite dai conflitti e a coloro che avevano bisogno di un intervento chirurgico al cuore in giro il mondo.” Strada ha pubblicato un articolo sull’edizione di venerdì del quotidiano italiano La Stampa in cui condannava la guerra degli Stati Uniti in Afghanistan, che ha definito un “fallimento in ogni modo possibile”. Rendendo omaggio al personale che lavora nelle strutture sanitarie di Emergency nel Paese, ha scritto: “Non posso scrivere dell’Afghanistan senza pensare principalmente a loro e agli afgani che stanno soffrendo in questo momento, veri ‘eroi di guerra’”.

 

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.