No Borders

This post has already been read 3129 times!

Meglio non dimenticare. Meglio continuare a raccontare la verità. La verità in questione racconta i veri mondiali del 1978 in Argentina.
Oltre a quello che veniva trasmesso in televisione con la discusissima vittoria albiceleste, ( la vittoria sul Perù per 6-0 fu più che una farsa calcistica) esisteva un altro mondiale. Quello della sopravvivenza nei sotterranei e nei centri di detenzione di Buenos Aires e di tutta l’Argentina, quello delle madri e nonne di Plaza de Mayo che ancor oggi lottano per la verità, affinchè la verità porti a casa tutti i figli dei desaparecidos che non sanno di esserlo e che vivono in famiglie che li hanno “rubati” da piccoli.
E’ anche il mondiale dell’allenatore Menotti, vicino all’ideologia di sinistra che disse prima della finale con l’Olanda, ” Vinceremo per quei figli di puttana”. Proprio l’Olanda dove mancava la stella Johan Cruijff, in polemica  aperta contro la dittatura. Per la cronaca mancherà a quel mondiale anche Paul Breitner, difensore tedesco.In questo libro, l’autore Pablo Llonto, giornalista e avvocato, che nel 1978 lavorava per la pagina sportiva dell’importante quotidiano argentino Clarin, ripercorre quei momenti tragici e sportivi allo stesso tempo.
Come avvocato ha rappresentato diverse famiglie di desaparecidos o assassinati durante la dittatura. E’ autore del libro La noble Ernestina, inchiesta sul passato occulto del quotidiano Clarin.

Giuseppe Narducci, magistrato, è il Pubblico ministero di Napoli che ha scoperto Calciopoli.
Ha firmato la prefazione del libro.

autore/i :: Pablo Llonto
prefazione: Giuseppe Narducci
prezzo: 15.00€
pagine: 224
ISBN: 9788889772430
data uscita: 05/2010

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.